Tecnocivis

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Controllo impianti termici Come autocertificarsi

Come autocertificarsi

Stampa
A partire dal 1 ° gennaio 2016 le operazioni di autocertificazione degli impianti termici, saranno gestite esclusivamente on-line attraverso il portale informatico CAITEL (Catasto Regionale degli Impianti per la Climatizzazione Invernale ed Estiva) predisposto dalla Regione Liguria. Il vademecum  informativo per i cittadini predisposto da Regione Liguria è scaricabile a seguente link.

La Regione Liguria istituisce, gestisce e aggiorna il Catasto Regionale degli Impianti Termici degli Edifici, secondo quanto previsto previsto all’art. 10, comma 4, lettera a) del D.P.R. 74/2013.

Il Catasto contiene la seguente documentazione in formato digitale:

a)scheda identificativa dell’impianto;

b)rapporti di controllo di efficienza energetica;

c)rapporti di ispezione eseguiti dall’Autorità competente

Ogni impianto censito sarà individuato da un “codice catasto” assegnato in modo automatico dal sistema di gestione informatica del Catasto. Tale codice deve essere riportato su tutti i documenti e le comunicazioni relative all’impianto.Il Catasto, disponibile in ambiente web sul portaleambientale della Regione Liguria in un’area dedicata, permette la consultazione dei dati e dei documenti in esso contenuti. Il Catasto consente altresì la relativa compilazione ed aggiornamento attraverso una procedura di registrazione tramite credenziali univoche per ogni operatore abilitato alla installazione e/o alla manutenzione e controllo degli impianti termici. Ai suddetti operatori viene infatti attribuita, all’atto di registrazione presso il Catasto, una password tramite la quale potranno successivamente accedere ai dati degli impianti esistenti da essi manutenuti, ovvero inserire impianti di nuova installazione.Per i nuovi impianti, l’accatastamento deve avvenire entro e non oltre 30 giorni dalla data di redazione della dichiarazione di conformità.

Come stabilito all’art. 10 del D.P.R. 74/2013, ai fini della copertura dei costi di gestione del Catasto, dei servizi correlati e delle ispezioni degli impianti termici, è prevista la corresponsione di un contributo versato in occasione dell’invio del rapporto di controllo di efficienza energetica.

Nel rispetto del principio di equità, tale contributo è determinato secondo modalità uniformi sul territorio regionale ed è diversificato in ragione delle fasce di potenza termica utile nominale dell’impianto, come indicato nella successiva tabella:

Potenza impianto (kW)

Importo del bollino

Importo verifica impianti non autocertificati

Impianti dotati di generatori di calore, pompe di calore, macchine frigorifere

alt

24,00 €

150,00 €

Impianti dotati di generatori di calore, pompe di calore, macchine frigorifere

alt

46,00 €

250,00 €

Impianti dotati di generatori di calore, pompe di calore, macchine frigorifere

alt

80,00 €

350,00 €

Impianti dotati di generatori di calore, pompe di calore, macchine frigorifere

alt

    120,00 €

     400,00 €

Impianti di micro-cogenerazione e cogenerazione

     alt


80,00 €

350,00 €

Impianti di micro-cogenerazione e cogenerazione

alt

120,00 €

400,00 €

Impianti di micro-cogenerazione e cogenerazione

   alt

160,00 €

600,00 €

In base a quanto stabilito dall’art. 8 del D.P.R. del 16 aprile 2013 n. 74, sono soggetti a controllo di efficienza energetica:

  • gli impianti termici di climatizzazione invernale di potenza termica utile nominale non minore di 10kW e gli impianti di climatizzazione estiva di potenza termica utile nominale non minore di 12kW;
  • impianti di micro-cogenerazione e cogenerazione

Il controllo di efficienza energetica deve essere effettuato secondo le cadenze riportate nella 'Tabella A - Cadenza dei controlli di efficienza energetica e trasmissione del rapporto' in occasaione di uno degli interventi di controllo e manutenzione previsti.

Nota bene: in generale stufe, caminetti, radiatori individuali e corpi radianti sono esclusi se mobili, mentre, se fissi e con potenza complessiva a servizio della stessa unità abitativa > 5 kW, sono invece considerati impianti termici a tutti gli effetti.




 


Provincia di Savona

RINA